è meglio un materasso in memory foam, in lattice o a molle? La risposta dipende da molti fattori

È meglio un Materasso in memory foam, a molle o in lattice?

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Oggi proveremo a rispondere a una domanda difficilissima:è meglio un Materasso in Memory Foam, a molle o in lattice? Scopriamo insieme le loro caratteristiche!

La scelta di comprare un nuovo materasso può dipendere da molti fattori. L’usura dopo tanti anni, ad esempio, può portare ad una deformazione tale da non garantire più il giusto sostegno del corpo mentre si riposa, oppure un aumento eccessivo di peso o un sopraggiunto problema alla schiena possono far propendere all’acquisto di un materasso più adatto al nuovo stato di salute.

Ma come fare a scegliere tra le diverse marche e modelli presenti sul mercato? Le tipologie di materassi più commercializzate sono: i materassi in memory foam, in lattice e infine gli intramontabili materassi a molle.

Orientarsi nella scelta non è facile, ecco perché Secilflex Academy prima di rispondere alla domanda “E' meglio un Materasso in Memory Foam, a molle o in lattice?”  vuole fare una piccola panoramica delle caratteristiche e delle qualità dei materassi in esame.

Materassi in memory foam: caratteristiche e vantaggi

Non tutti sicuramente sanno che il materiale memory foam non è una recente invenzione, ma la sua ideazione risale ai primi anni ’80, anni in cui la NASA mise a punto questo materiale, che era capace di assorbire l’accelerazione di gravità e i suoi relativi effetti sul corpo degli astronauti in partenza per lo spazio.

Dopo numerosi studi, ricerche e test, i ricercatori del dormire bene sono giunti alla realizzazione di un materasso che sfruttasse al massimo le caratteristiche di questo innovativo materiale, e che fosse in grado di attenuare, durante le ore notturne o comunque di riposo, tutti quegli errori posturali che inconsciamente si assumono durante la notte. La schiuma di poliuretano utilizzata per la realizzazione del materasso è un materiale tecnico altamente tecnologico, questo è una schiuma viscoelastica a memoria di forma. Il materasso, sottoposto a una determinata temperatura e pressione dal dormiente, si adatta perfettamente al suo peso e alla sua forma anatomica, sostenendolo e assicurandogli il massimo sostegno e benessere. La struttura fisica del materasso, proprio per il suo caratteristico materiale, una volta non più sottoposta allo schiacciamento dal peso del corpo riacquisterà la sua forma originaria.

Questo tipo di materasso può variare in spessore, durezza e consistenza in base alle scelte fatte dalle aziende produttrici, infatti il Memory Foam non è mai composto solo da schiuma, ma a questa vanno aggiunti degli strati che diano un giusto sostegno evitando così la possibilità di sprofondarci dentro che sarebbe altamente controproducente

La portanza associata all’elasticità del materasso fa sì che non nascano compressioni in determinate zone del corpo che potrebbero recare disturbi durante il sonno, generando ad esempio tensioni muscolari o problemi legati alla circolazione sanguigna.

Da non sottovalutare inoltre è la resistenza della schiuma agli attacchi di muffe e batteri, tutti i materiali composti da questo materiale sono antiacaro. Ovviamente dipende tutto dalla qualità dei materiali che lo compongono.

I vantaggi sono quindi parecchi, e si possono riassumere in: perfetto adattamento anatomico, nessun tipo di manutenzione da effettuare, antimuffa e antiacaro, lunga durata (sempre se è qualitativamente costruito bene, che si faccia la giusta manutenzione e che sia associata con la giusta rete) e possibilità di scelta tra numerosi modelli.

Piccola nota da parte di Secilflex: alcuni produttori “giocano” sul fattore “strati” e “3, 5 e 7 zone differenziate” in fase di vendita. Quello che possiamo dirvi sulla fabbricazione di un materasso è che è un procedimento altamente complesso, che deve seguire studi fatti su composizione dei materiali e risposta del materasso in termini di traspirazione. Spesso sentiamo pareri di clienti che vengono nel nostro punto vendita perché durante la notte avvertono forte sensazione di calore e forti difficoltà di movimento, sintomo che il materasso da loro acquistato forse è frutto di una cattiva, o peggio, dannosa progettazione. È chiaro che forse hanno acquistato un prodotto da ditte che hanno puntato tutto sul “fattore marketing”, ossia hanno creato un prodotto di dubbia qualità ma evidenziandone solo quegli aspetti che possono confondere voi clienti.

Anche sulle “zone differenziate” si fa una grande confusione. Le zone del nostro corpo che devono avere il giusto sostegno sono:

- spalle e collo;

- zona lombo-sacrale;

- gambe.

Secilflex produce materassi di qualità per dare il giusto sostegno alle zone sottoposte alla pressione del corpo durante il sonno
Nell'immagine potete vedere le zone del nostro corpo maggiormente sottoposte alla pressione del nostro corpo quando si dorme

È inutile andare a creare più “zone differenziate” di quelle che realmente servono.

Insomma, lungi dal voler giudicare l’operato degli altri, possiamo solo dirvi di non farvi distrarre da “elementi secondari” ma di scegliere un materasso in memory foam in base a quelle che possono essere le vostre esigenze reali e cioè:

- quali dispositivi del sonno sono associati al materasso? In altre parole: che tipo di cuscino e di rete ho in uso?

- quale è lo stato di usura dei miei dispositivi del sonno che andrò ad abbinare al materasso?

- ho delle patologie particolari?

E così via…

Materassi a molle: caratteristiche e vantaggi

Il materasso a molle è un modello ever green, ma nonostante sia tra i più vecchi, tecnologicamente parlando, negli anni si è saputo rinnovare, e la tipologia con le molle insacchettate è tra le più vendute.

La struttura principale è formata da uno strato di molle centrale, costituita da un numero di molle variabile, e uno o più strati esterni che compongono l’imbottitura. Le molle insieme con l’imbottitura riescono a garantire sostegno e comfort al corpo. In passato il fatto che le molle fossero tra di loro tutte collegate, creava delle zone deformate più grandi di quanto fosse la parte a contatto con il corpo, ne derivava quindi una scarsa qualità del sostegno con una pessima postura durante le ore di riposo.  Nei letti matrimoniali i movimenti di uno dei due si propagavano sull’altro, disturbandone il sonno, il sistema a molle insacchettate ha risolto in parte (importante, perché le molle non eliminano completamente questo fenomeno) questa serie di inconvenienti.

Le molle moderne utilizzano materiali più adatti, performanti e duraturi, l’acciaio di un tempo è stato sostituito dalle nuove leghe più elastiche e resistenti. Oltre all’importanza delle zone differenziate, la vera differenza è il numero di molle presenti all’interno del materasso, si va da un minimo di 400 molle fino a un massimo di 7000 molle per i materassi top di gamma. Ricordiamo sempre che però il numero di molle non è per forza indice di qualità, un materasso è un insieme di fattori e di elementi tra cui l’unicità delle caratteristiche fisiche di ogni persona.
Tra una molla e l’altra vi sono degli spazi in cui l’aria libera di circolare rende il materasso traspirante. Per ulteriori informazioni invitiamo a leggere il nostro articolo Guida al materasso con molle tradizionali e insacchettate: caratteristiche e differenze .

Riassumendo i vantaggi di scegliere un materasso a molle insacchettate sono: la robustezza, la traspirabilità, la durata nel tempo (sempre ricordandoci dell’importanza della manutenzione e della qualità costruttiva del materasso) e l’ergonomicità (sempre se il nostro fisico ha caratteristiche adatte a al fisico di una persona).

Materassi in lattice: caratteristiche e vantaggi

I materassi in lattice sono tra tutti quelli più forse più ecologici perché questo materiale deriva dalle piante. Ma c’è da fare una doverosa precisazione. I materassi in lattice non sono totalmente composti esclusivamente da questo materiale. Sarebbe meglio parlare di “schiuma di lattice”, cioè da un processo chimico-fisico che riesce a creare un materiale adatto a garantire un riposo ottimale.

Al di là di quello che dicono molte aziende sul “lattice naturale”, affinché un materasso in lattice sia definito un ottimo prodotto

- lo spessore del materasso deve essere rilevante, solitamente intorno ai 20cm: va da se che maggiore è la sua altezza migliore è la sua capacità di sorreggere il corpo a riposo.

- la struttura deve essere elastica e traspirante: questo riduce e impedisce la nascita di muffe e batteri. Ovviamente stiamo parlando di materassi che seguono criteri di qualità e prodotti da aziende serie e affidabili;

- la struttura “si adatta i nostri movimenti”: infatti essa si rimodella quasi istantaneamente e si adegua alle nuove e infinite posizioni che si possono assumere durante la notte.

Come scegliere il materasso in lattice giusto e perché orientarsi verso questo tipo?

Come già detto in precedenza non soffermatevi troppo sulle “zone differenziate” e sul concetto di “naturale”, valutate sempre

- la vostra rete e il vostro cuscino;

- la reputazione di chi vi sta vendendo il prodotto.

Indubbiamente però questa tipologia di materasso, quando di ottima fattura, presenta traspirabilità, ottima risposta ai nostri movimenti notturni, minore probabilità di essere attaccati da muffe e batteri, minore proliferazione di acari.

Meglio un materasso in lattice o memory foam? La risposta è…

Spesso molte aziende tendono ad elogiare i vantaggi della tipologia di un prodotto rispetto ad un altro, ma il consumatore che deve scegliere il prodotto migliore per il proprio benessere fisico è bene che sappia che non esiste un materasso valido e uno meno valido, esistono materassi performanti in differenti modi, l’importante è che l’acquisto venga fatto in modo consapevole.

Non è possibile stilare una classifica su quale sia il miglior materasso da comprare per dormire notti serene. Ogni materasso può essere perfetto, tutto dipende dalle esigenze che si hanno.

Come scegliere il materasso nuovo?

Ci dispiace non darvi una risposta definitiva.
Anche se i consigli di amici e parenti sono importanti, vi ricordiamo che un materasso che va bene per una persona non è detto vada bene anche per un’altra.

Quello che possiamo consigliarvi è di affidarsi a esperti del settore e ma soprattutto a ditte serie. Secilflex infatti mette a disposizione i suoi consulenti del sonno ma soprattutto uno showroom per toccare con mano i nostri prodotti e chiedere qualsiasi informazione.

Vi invitiamo quindi a contattarci al numero 085 431 3238! Saremo felici di rispondervi o di accogliervi nella nostra sede di Via Aterno, 51 a Pescara.

A proposito: dovete buttare il vostro vecchio materasso: leggete la nostra guida "Dove si butta il materasso vecchio?"!


Banner call to action Secilflex