Diverse ricerche hanno confermato che l'uso di schermi con luce blu danneggiano la qualità del sonno provocando insonnia e risvegli durante la notte

Ormai è ufficiale: smartphone e tablet prima di dormire fanno male a adulti e bambini

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La notizia circolava da qualche anno ma è stata ultimamente confermata da un ulteriore ricerca effettuata su un gruppo di adolescenti: utilizzare smartphone, tablet o pc prima di andare a dormire è estremamente impattante sulla qualità del nostro sonno!

Una ricerca ulteriore conferma che non bisogna utilizzare lo smartphone prima di andare a dormire! Andiamo a scoprire le ragioni di questa affermazione.

Una delle prime ricerche effettuate nel 2013 già dava risultati preoccupanti

L’impatto che i dispositivi elettronici hanno sul sonno è stato studiato in maniera più approfondita nel 2013. La ricerca effettuata, e poi pubblicata sul Journal of Sleep and Sleep Disorders Research. mirava a verificare se c’era una correlazione tra la vicinanza di un dispositivo elettronico e la produzione di melatonina da parte del nostro corpo.

I risultati furono inaspettati quanto importantissimi: maggiore era la vicinanza di uno schermo ai nostri occhi e minore era la produzione di melatonina. Cosa è la melatonina?E’ l’ormone del sonno, che regola il ciclo sonno-veglia.

Praticamente l’utilizzo di smartphone, pc o tablet di notte prima di andare a dormire fa quasi capire al nostro cervello che invece “sia quasi giorno” con tutte le conseguenze del caso: insonnia, difficoltà ad addormentarsi, qualità del sonno rovinata.

L’ulteriore ricerca sugli adolescenti: non utilizzate lo smartphone prima di dormire!

Un ulteriore ricerca è stata portata avanti dall’ Istituto Olandese di Neuroscienze (Netherlands Institute of Neuroscience) su un gruppo di 55 adolescenti.

Questo studio voleva vedere se s’era una differenza nella qualità del sonno fra chi usava un dispositivo elettronico e chi invece no.

Ebbene i dati sono stati abbastanza chiari: chi usava un tablet, un pc portatile o un telefono aveva maggiore difficoltà sia ad addormentarsi che a mantenere lo stato di sonno durante la notte.

Ma la ricerca non si è fermata qua: i ricercatori hanno imposto a chi usava questi dispositivi di evitare assolutamente il loro uso prima di dormire per due settimane.

Cosa è successo? Anche qui c’è molto da riflettere

Questo gruppo di persone ha riacquistato la qualità del sonno e la capacità di addormentarsi rapidamente solo dopo una settimana.

Come fare se è proprio necessario l’uso dello smartphone prima di dormire?

Se siamo proprio costretti a utilizzare il nostro telefono allora ci sono 3 soluzioni:

1) Utilizzo di occhiali che bloccano le luci blu degli schermi;

2) Abbassare al massimo la luminosità dello schermo;

3) Utilizzare applicazioni che riescono a filtrare la luce: alcuni smartphone infatti hanno questa funzione integrata nativamente. Lo schermo apparirà “giallo” mai i nostri occhi e il nostro sonno ringrazieranno.

La Secilflex Academy vi saluta. Vi aspettiamo nel nostro show room e online con il nostro ecommerce!


Banner call to action Secilflex